Cacciagione di qualità

5 gennaio 2017 By Elisa 0

Ultimamente nel nostro menù troverete molte proposte a base di cacciagione. Fino ad oggi eravamo bloccati dalla difficoltà di reperire dell’ottima materia prima. Vi sembrerà assurdo vista la quantità di selvaggina che si aggira per i  boschi e purtroppo tra i vigneti del Chianti. Eppure mancava la connessione tra territorio e ristorazione. Dando per scontato che nel 2017 non sia più praticabile l’opzione “acquisto diretto dal cacciatore”, soprattutto per la quantità di giuste e legittime pretese riguardo abbattimento, controllo e tracciabilità del prodotto, le uniche alternative erano materia prima congelata proveniente da altri paesi (sigh) o distributori di qualità italiani, ma comunque slegati dal territorio ed a prezzi non proprio accessibili. Finalmente qualcosa si è mosso, finalmente c’è l’opportunità che per chi possiede un ristorante nel Chianti di reperire cacciagione di qualità: un giovane di Gaiole, Dominati Raffaele ha capito che era il momento di un salto di qualità nella proposta di selvaggina proveniente dai nostri boschi ed ha creato una piccola azienda che si occupa di reperire gli animali abbattuti dai cacciatori con regolare licenza, farli macellare ed esaminare da macellerie autorizzate ed immetterli finalmente nel mercato con corretta etichettatura. La sua attività si chiama Chianti Wild http://www.informazione-aziende.it/Azienda_CHIANTI-WILD-DI-DOMINATI-RAFFAELE (nome “esotico” e divertente) ed è il primo passo per arrivare ad una macelleria autorizzata di proprietà. Complimenti a lui per l’intraprendenza…. Ed ora tocca a noi valorizzare al massimo quello che deve essere considerato un prodotto tipico del Chianti. In attesa magari di una denominazione che ne valorizzi ancora di più le peculiarità: saper vendere cacciagione di qualità in maniera conforme e riconoscibile potrebbe rivelarsi un valore aggiunto per tutto il territorio.